Home / News / Il Marketing Dei Micromomenti: l’Importanza di Cogliere l’Attimo.
4GiugnoConlogogoogle-Blog

Il Marketing Dei Micromomenti: l’Importanza di Cogliere l’Attimo.

Data:
4 giugno 2018
/
Categoria:

Negli ultimi anni Google ha teorizzato una nuova pratica che permette a brand e aziende di raggiungere il consumatore in specifici momenti, proprio quando ha bisogno di trovare un prodotto, scoprire un servizio oppure ottenere informazioni utili in modo istantaneo. Si tratta del Marketing dei Micromomenti: scopriamo insieme di cosa si tratta e come sfruttarlo al meglio!

 

Come è Cambiata La Customer Journey.

Qualcosa è cambiato nella Customer Journey, il percorso svolto dal consumatore. Fino a pochi anni fa esso era semplice e lineare: rispondendo allo stimolo all’acquisto proveniente dai mass media, il consumatore si recava in negozio e qui poteva avere una prima esperienza del prodotto, toccandolo con mano; dopo averlo scelto e acquistato, si recava a casa e qui aveva un “secondo momento di verità”, ossia l’esperienza del prodotto vera e proprio del prodotto. Oggi, invece, la Customer Journey è molto più complessa e certamente meno uniforme: lo sviluppo della rete ha moltiplicato i momenti di acquisto e di esperienza offrendo nuovi modi di fare shopping, supportati anche dalla tecnologia mobile. Ora si parla di, infatti, di Micromomenti in cui l’utente ha specifiche esigenze e l’azienda deve saperli sfruttarli, facendosi trovare proprio in quell’istante.

 

Micro-momento | mìcro – mo·mén·to | Sostantivo Maschile

Momento ricco di intenzione in cui una persona utilizza un dispositivo per soddisfare un bisogno di conoscere, andare, fare o acquistare.

Fonte: Google

 

I 4 Micromomenti Dell’Esperienza Del Consumatore.

Secondo quanto teorizzato da Google, nella vita di ogni consumatore si possono manifestare 4 specifiche esigenze  che si trasformano in altrettanti micromomenti che un marchio o un’azienda devono saper sfruttare per farsi trovare e proporre un’efficace soluzione.  Si distinguono quindi:

  1. I momenti in cui l’utente vuole sapere qualcosa e quindi usa principalmente lo smartphone per cercare una risposta efficace alle sue domande (Google afferma che il 65% dei consumatori online usa il web per trovare informazioni e che il 66% di loro utilizza lo smartphone per trovare maggiori dettagli di un prodotto/servizio visto in TV). In questi momenti il consumatore è più sensibile a un possibile inserimento dell’azienda nella sua esperienza di acquisto.
  2. I momenti in cui l’utente vuole andare da qualche parte, in particolare negozi, ristoranti oppure hotel. Google, in questo caso, segnala che l’interesse nelle ricerche “vicino a me” è in continua crescita e che l’82% degli utenti da mobile utilizza il motore di ricerca quando sta cercando un local business.
  3. I momenti in cui l’utente vuole fare qualcosa e quindi usa soprattutto lo smartphone (91%) per cercare idee. Sono oltre 100.000.000 le ore di contenuti “how-to” e tutorial guardati sul web ogni anno.
  4. I momenti in cui l’utente vuole acquistare qualcosa utilizzando lo smartphone anche all’interno dei negozi fisici per confrontare i prezzi.

 

Micromomenti Google

Fonte: Thinkwithgoogle

 

Come Sfruttare Efficacemente i Micromomenti.

I micromomenti sono fondamentali per l’attività di marketing di un brand o un’azienda. Per utilizzarli al meglio, però, un brand o un’azienda deve attingere a una mole di dati che gli permette di essere presente nel momento giusto. È quindi necessario:

  • Individuare i micromomenti in cui intervenire, identificando le fasi del Customer Journey in cui agganciare il cliente.
  • Mappare il comportamento degli utenti al fine di capire chi sono e quale percorso compiono per arrivare a trovare il prodotto che gli serve e poi ad acquistarlo.
  • Monitorare i comportamenti dei consumatori in tempo reale, capendo quali sono i suoi bisogni.
  • Creare messaggi rilevanti e personalizzati, creati appositamente per la tipologia di target del prodotto/servizio offerto, e diffonderli con le corrette tecnologie, instaurando quindi una conversazione che venga percepita come umana e personalizzata. Con il messaggio giusto e un’offerta personalizzata un’azienda può coinvolgere efficacemente gli utenti, risolvendo i loro problemi e risultando quindi utile.

 

Si rivela quindi necessaria una strategia completa che preveda l’analisi costante dei dati, la definizione e l’attivazione di specifiche attività di web marketing e social media marketing, la realizzazione di contenuti efficaci, il controllo e il monitoraggio continuo dei risultati raggiunti. Per maggiori informazioni, contattaci subito.

 

Vuoi migliorare la tua comunicazione online seguendo i consigli di Google? Iscriviti alla Newsletter di Up&Up, Agenzia Certificata Google di Brescia e resta sempre in aggiornamento con le ultime novità e i consigli utili da Big G. Clicca qui per iscriverti alla nostra Newsletter.