Home / News / Newsletter e DEM: dati, trend e consigli per farle funzionare.
20gennaio-news

Newsletter e DEM: dati, trend e consigli per farle funzionare.

Data:
20 gennaio 2017
/
Categoria:

900 milioni di messaggi di posta elettronica ricevuti ogni giorno, 71 milioni di indirizzi e-mail utilizzati con una media di 2,3 caselle di posta a persona e un totale complessivo che supera il numero di abitanti in Italia: questi sono solo alcuni dei numeri che spiegano il rapporto – più che positivo – degli italiani con la posta elettronica. La ricerca Email Marketing Experience condotta da Magnews in collaborazione con l’istituto Human Highway espone dati e scenari interessanti sull’e-mail marketing in Italia, evidenziando l’importanza che ancora oggi riveste la posta elettronica. Scopriamo insieme i risultati emersi da questa analisi.

 

Qual è la reputazione della posta elettronica?
Considerata come il canale meno invasivo e quindi preferito per la comunicazione, l’e-mail è uno strumento irrinunciabile per gli italiani che ogni giorno ricevono in media 7,7 messaggi, per lo più di natura commerciale (offerte, promozioni, sconti e buoni). Non solo: i messaggi di posta elettronica vengono utilizzati anche per gestire relazioni con brand e aziende, per scambiarsi link e risorse web; le conversazioni più veloci e immediate, invece, rimangono sulle chat social.

 

Come sarebbe la vita senza e-mail?
Più complicata da gestire, meno efficiente e sicuramente più lenta, sostengono gli italiani. Ecco quindi che il 63,0% degli uomini e il 58,9% delle donne dichiara di possedere caselle diverse per propositi diversi, così da organizzare al meglio la gestione della posta elettronica. Gmail rimane la casella di riferimento e di cui oltre il 30% degli italiani non può fare a meno per gestire la propria vita quotidiana.

 

Come e quando si leggono le e-mail?
È il web il canale di accesso alla posta più diffuso, seguito da un lettore di posta – soprattutto per le e-mail aziendali – e dalla App (Gmail). Gli italiani preferiscono leggere le e-mail mentre sono al computer per svago, per lavoro o per studio. Solo il 30,1% afferma di aprire e leggere i messaggi in tempo reale, non appena li riceve. Altri ancora, invece, preferiscono scorrere la casella di posta quando si rilassano sul divano, al mattino appena svegli o prima di dormire, in viaggio, in coda o addirittura quando sono in bagno.

 

Quali messaggi piacciono di più?
Come detto, i messaggi ricevuti ogni giorno sono per lo più di natura commerciale, seguiti da contenuti di viaggi e turismo, e infine avvisi e notifiche dai social network. Ma cosa preferiscono gli utenti? A quali newsletter preferiscono iscriversi?

  • Donne: sconti, moda, salute, bellezza e gastronomia.
  • Uomini: tecnologia, meteo, sport, auto/moto, bollette e utenze di casa.

Gli italiani si iscrivono ai servizi di newsletter per 3 motivi:

  • Vogliono rimanere informati e sempre aggiornati (35%)
  • Le usano come promemoria (20,4%)
  • Sono interessati ai contenuti (18,4%), soprattutto se si tratta di buoni sconto

 

Cosa vogliono vedere gli italiani?
Considerato l’affollamento delle caselle di posta, piene di messaggi promozionali e talvolta SPAM, le persone aprono e leggono più volentieri newsletter chiare nei contenuti, che non vengono inviate troppo spesso (bassa frequenza) e rilevanti per i loro interessi.

 

Da questo scenario e dai dati raccolti, emergono quindi  5 best practice, ovvero 5 consigli per costruire correttamente la tua newsletter e invogliare gli utenti ad aprirla e leggerla:

#1 Ricordati del pubblico a cui stai scrivendo. Definisci il tuo target raccogliendo dati demografici, cercando di capire cosa gli piace e quali sono i loro argomenti di interesse.

#2 Includi più sezioni diverse nella stessa newsletter. È fondamentale informare l’utente in modo completo, trattando più argomenti diversi ma comunque correlati tra loro, disponendoli in sezioni differenti della newsletter.

#3 Approfondisci. La comunicazione, pur sempre snella e asciutta, deve essere precisa e dettagliata. Fornisci all’utente spunti per un’approfondimento extra.

#4 Applica la regola delle 5 W (Who, What, When, Where, Why ovvero chi, cosa, quando, dove, perché). Rispondi alle domande che i tuoi potenziali clienti potrebbe porsi ricevendo la tua e-mail fornendo informazioni accurate e bilanciando la presenza di contenuti informativi e promozionali.

#5 Scegli uno stile chiaro e uniforme. Evita  frasi contorte, troppo lunghe e di difficile comprensione. Metti in primo piano l’informazione più importante, in modo che salti subito all’occhio. Conquista i tuoi utenti con i titoli, i contenuti e le immagini giusti.

 

Vuoi saperne di più su Newsletter e DEM? Scopri il nostro servizio dedicato e contattaci subito per avere maggiori informazioni.