Home / News / Google rinnova Search Console: ecco le novità.
25settembre-blog

Google rinnova Search Console: ecco le novità.

Data:
25 settembre 2017
/

Tante le novità che arrivano in questi giorni da Mountain View: Google è costantemente al lavoro per aggiornare e potenziare i suoi servizi, arricchendoli di funzionalità innovative in grado di ottimizzare e rendere più efficace il lavoro online. Questa volta tocca a Google Search Console, lo strumento che permette di monitorare e gestire la presenza di un sito web nei risultati della Ricerca Google. Si tratta di un tool indispensabile per comprendere a fondo lo stato di salute di una piattaforma così da ottimizzarne le prestazioni online, che Up&Up – in qualità di agenzia Google Partner certificata – utilizza per svariate attività di monitoraggio al fine di garantire le più elevate prestazioni ai siti dei propri clienti.

Google Search Console è uno dei Servizi Google che offriamo in qualità di web agency qualificata della rete Google Partner. Vuoi saperne di più su questo strumento innovativo? Clicca qui! In alternativa, scrivici per maggiori informazioni!

È di pochi giorni fa l’annuncio di alcune novità che riguardano Google Search Console. Non si tratta solo di un semplice restyling grafico, il servizio infatti presenta nuove funzionalità e una diversa organizzazione della struttura. Queste modifiche sono state apportate per permettere di individuare e risolvere in modo veloce e puntuale eventuali errori. Nel dettaglio, le nuove categorie introdotte sono:

  1. Insights: qui si trovano tutte le problematiche dovute a root-cause, cioè tutti gli errori di scansione e di indicizzazione delle pagine del sito web. Tali errori sono poi consolidati in task che permettono agli utenti di monitorare i progressi e gli effetti delle correzioni attuate.
  2. Workflow: questa funzionalità permette di ottimizzare il lavoro in team per i progetti di grosse dimensioni, permettendo di condividere i ticket con i vari membri.
  3. Feedback Loops: con questa nuova funzione è possibile avere un’anteprima istantanea del risultato dei cambiamenti apportati al codice sorgente, mentre Google ri-scansiona tutto il sito. Inoltre, vengono forniti anche feedback sulle modifiche proposte in modo da regolare i dettagli finché il problema non viene risolto.

Oltre a questi cambiamenti confermati, Google sta testando anche:

  • Index Coverage report, il nuovo rapporto che mostra il conteggio delle pagine indicizzate, le informazioni sul perché alcune pagine non possono essere indicizzate, pagine di esempio e suggerimenti per risolvere tali problemi di indicizzazione. Questa nuova funzionalità, come spiegano da Mountain View, è stata pensata per permettere di «andare oltre la semplice visualizzazione delle informazioni per raggiungere un livello più profondo e spiegare perché questi problemi si verificano». L’obiettivo finale? «automatizzare i consigli per risolvere tali problemi».
  • AMP fix flow, una nuova console che permette di migliorare le pagine AMP, le pagine super veloci, permettendo di identificare e risolvere eventuali anomalie nel codice.

Vuoi saperne di più sui Servizi Google e rimanere aggiornato sulle ultime novità dal Colosso del Web? Iscriviti subito alla nostra Newsletter inserendo la tua e-mail qui.